Progetto di prevenzione “Claudia Carraro”

Il programma di prevenzione dei disturbi dell'alimentazione “Claudia Carraro”

AIDAP Ricerca e Prevenzione ha supportato lo sviluppo e lo studio controllato, in corso di valutazione, di un nuovo programma di prevenzione dei disturbi dell’alimentazione e dell’obesità.

Il programma si distingue dagli altri programmi di prevenzione per essere interattivo ed integrare la prevenzione dei disturbi dell’alimentazione con quella dell’obesità. Inoltre, usa i principi psicologici derivati dalla più recente terapia cognitivo comportamentale per affrontare alcuni fattori di rischio comuni alle due patologie.

Dr.ssa Lucia Camporese

AIDAP Ricerca e Prevenzione

Descrizione del progetto

  • In cosa consiste. Progetto di ricerca per valutare l’efficacia di un intervento di prevenzione dei disturbi dell’alimentazione e del peso in eccesso, che verrà somministrato a soggetti adolescenti delle scuole secondarie.
  • Durata. Circa un anno (da ottobre 2019 a ottobre 2020).
  • Chi opera all’interno del progetto. Psicologi-psicoterapeuti, dietiste, medici, biologi nutrizionisti, esperti in ricerca clinica.
  • Dove si svolge. In varie scuole superiori di tutta Italia.

A quale bisogno risponde?

Al bisogno di migliorare la conoscenza sull’efficacia degli interventi di prevenzione universale nell’ambito dei disturbi dell’alimentazione e del peso. Ancora oggi è molto scarsa la conoscenza scientifica su quale sia un buon intervento di prevenzione che aiuti a modificare attitudini e comportamenti “a rischio” per lo sviluppo di un disturbo dell’alimentazione o del peso in eccesso.

Come persegue la mission di AIDAP Ricerca e Prevenzione?

La mission di AIDAP Ricerca e Prevenzione è proprio quello di ideare, sviluppare e testare programmi di prevenzione efficaci per i disturbi dell’alimentazione e del peso.

Quali sono i risultati attesi

Ci aspettiamo di vedere che l’intervento di prevenzione da noi proposto migliori le attitudini e i comportamenti che potrebbero favorire lo sviluppo di un disturbo dell’alimentazione o problemi di peso in eccesso.

Perché sostenere questo progetto

Perché permetterebbe di avere in Italia, per la prima volta, un intervento di prevenzione studiato dalla ricerca scientifica e di comprovata efficacia. Riuscire a prevenire lo sviluppo di alcuni comportamenti che favoriscono un’attenzione eccessiva al corpo o uno stile di vita non adeguato, potrebbe ridurre il rischio della presenza di disturbi dell’alimentazione e problemi di peso in eccesso, due cause di grande disabilità sia tra i giovani che tra gli adulti.